SEMPRE BOVILLE


 

 Partecipanti

 Pianificazione

 Archivio

 Cerca

 Discussioni

 Contattaci

 Homepage

A BOVILLE I DATI PIU' NEGATIVI PER L'INQUINAMENTO DEI VOLI DELL'AEROPORTO DI CIAMPINO

I BOVILLESI NON VOGLIONO MORIRE

Il Presidente dell'ENAC non ci risponde: se non se ne preoccupa, provvedano il Ministro dei Trasporti, il Parlamento e la Regione Lazio.

  
  • Valori medi registrati per le Polveri Sottili PM10: Con 178,97 microgrammi/metro cubo (la concentrazione media giornaliera stabilita dalla normativa in 50 microgrammi/metro cubo) è Via Niccolò Tommaseo - OVE SI TROVA LA SCUOLA ELEMENTARE "E. Morante" -  nella Frazione di Santa Maria delle Mole, a guadagnarsi il peggior valore per le PM10.
     

  •  Per le polveri sottili TSP, è ancora la Frazione di Santa Maria delle Mole, con 261,55 microgrammi/metro cubo sempre nel punto a Via Niccolò Tommaseo, a guadagnare il peggior valore medio, ben al di sopra della soglia di attenzione stabilita dalla legge (150 microgrammi/metro cubo); segue Via Bassini nella frazione di Cava dei Selci, con 195,90 microgrammi/metro cubo (OVE SI TROVA LA SCUOLA ELEMENTARE "I. Nievo").

 (Fonte : http://www.comitatoaeroportociampino.it ove sono pubblicati dati interi rilevati da Legambiente Lazio per il Comitato Aeroporto)

 

 

 Davanti ai dati allarmanti che hanno misurato i livelli più alti (e molto al di sopra dei tetti massimi previsti dalle norme) proprio a Boville
- guarda caso alle Scuole "E. Morante" nel Quartiere "Spigarelli" a S. Maria delle Mole e "I. Nievo" a Cava dei Selci -, diventa più drammatica l'inerzia degli organi competenti ed, in particolare, dell' ENAC (Ente Nazionale per l' Aviazione Civile) che, oltre a non provvedere a  monitorare e a ridurre il traffico aereo, non risponde alle nostre richieste di informazioni e documentazioni (pur essendovi obbligato dalle norme  in materia e dalla Legge 241/90).
 
Detti rischi sono tragicamente confermati dalle ultime rilevazioni effettuate da Legambiente Lazio per conto del " Comitao Aereoporto di Ciampino per la riduzione dll'impatto ambientale dell' aeroporto" (che si può consultare sul sito http://www.comitatoaeroportociampino.it ).
 
"Se avessimo avuto il nostro Comune Autonomo di Boville, questo se ne sarebbe occupato subito, bene e per tutti" (evidenzia Pino Cardente, che quale 1° Proponente PdLRP per il Comune autonomo di Boville ha subito posto e riproposto il problema alle Autorità competenti) . "Con il suo peso istituzionale, il nostro Comune ci avrebbe difeso, avrebbe tutelato la nostra salute ed evitato i crescenti rischi di morte ed il Sindaco di Boville, se le altre Autorità superiori non vi avessero provveduto, avrebbe emesso un'Ordinanza a difesa della Salute Pubblica e, così come fa il Sindaco di Roma per il traffico automobilistico (con picchi, superiori alla norma, ma molto inferiori a quelli accertati da noi), avrebbe sospeso e/o ridotto il traffico aereo sul nostro Comune".
 
Possono i nostri figli andare a morire nelle Scuole: ove altissimi sono i dati dell'inquinamento da traffico aereo?
 
Per tali inerzie e pericoli, se non provvede chi deve, provvedano le autorità superiori subito: a tal fine abbiamo loro scritto!
 
La Regione Lazio provveda, come deve:
  1. in materia sanitaria e a difesa della salute pubblica,
  2. localizzando altri e nuovi siti aereoportuali (in via d'urgenza e definitivamente);
  3. istituendo nuovamente, subito, il Comune Autonomo di Boville, che ci necessita anche per salvarci la vita !

Homepage